lunedì 8 dicembre 2014

Naufragio Blues


L’amore è solo dentro quelle stupide canzonette da quattro soldi, che fanno arricchire quei cantanti e discografici da strapazzo che le mettono ancora in giro. Sono scritte e suonate a immagine e somiglianza dei loro sogni. Ma chi cazzo se ne frega del festival di Sanremo, con tutti i problemi che abbiamo. Per uno come me poi, che ha preso da tempo brutte abitudini e non ha più fiducia in nessuno, l’amore è solo una bella e sana scopata, quando capita. Il mio compare di tavolino è davvero un tipo loquace, e da un bel pezzo mi cicaleggia vicino l’orecchio le sue inquietudini. Li sento già gl’innamorati, seguita a dire, inveirmi contro. “Ehi stronzo, l’amore e quello che ti cambia la vita, che ti fa volare, e ti riempie di speranza”. E bla, bla, bla, via discorrendo. Ma a queste cose ci credono solo quei poveracci, che ancora abboccano a quelle filastrocche. Certo, quando sei giovane e preda dei furori infantili, sei giustificato, l’amore ti abbaglia la vista e il cuore, e ti rende vulnerabile. Dopo, è come la pioggia e il vento. È un farsi compagnia, un tentare di comprendersi nell’infinita differenza dei caratteri di ciascuno di noi. Allungò un braccio e ordinò un whiskey. “Per sopportare meglio il marciume che mi porto appresso”, asserì. Ho udito il sibilo della macchina del caffè dietro di me, e sorridendogli ho vuotato il mio bicchiere. Mi sono messo a fumare, cercando di far passare le ore di quel giorno di merda. Sono solo stronzate quelle canzoni. Non hanno niente a che vedere con l’amore, folle, ribelle, disinteressato e infuocato. Quello che ti contorce le budella e ti ubriaca di passione. “Il fatto, amico mio, è che vogliamo prendere tutto per noi, senza mai pagare niente”, concluse, gettandosi dentro le viscere il J&B che il barista gli aveva posato sul tavolino. Poi, con tono scuro mi chiese:  “E tu, da quanto sei andato a fondo?”


Non è un posto cattivo il bar scommesse dove mi trovo. Si sta tranquilli. Il titolare è un ragazzo che ci lascia anche fumare. Ma non troppo. Da lì dentro posso vedere la gente passare di fretta, e sbirciare anche una fetta di cielo. Non è poco. La maggior parte dei clienti sta radunata attorno a un tavolino in fondo alla sala dove prepara le proprie scommesse, senza fare troppo baccano. Navigano nella speranza di acchiappare, quantomeno, i soldi per la spesa dell’indomani. Sembra di essere sospesi in un altro mondo, c’è una strana atmosfera. Come se John Coltrane si fosse celato da qualche parte e suonasse un blues, in modo lieve ma doloroso. Mi piace questo posto. E anche quella ragazza con tutti quei capelli sciolti di fronte a me che ha due labbra fantastiche. Sembra una puttana, non lo dico in senso sprezzante, ma solo per individuare le tipe per cui un uomo è pronto a fare follie, pur di possederle. Le altre che uno incontra sono come l’aperitivo prima del pranzo domenicale. O come una pietanza un po’ sciapa. E questo loro lo sanno bene. Difatti sono le più stronze, le più dure, le più arrabbiate di tutte.


Sono rientrato nel mio piccolo buco, e ho guardato le cose di cui mi circondo. Le chitarre, i dischi, la scrivania, i libri, e il divano malandato che mi ha lasciato in regalo il vecchio inquilino. Sullo scrittoio c’è la mitica macchina da scrivere di mio padre, che però non uso mai. Ho staccato il cellulare, ho acceso lo stereo e messo del blues a ciclo continuo. Sono andato alla finestra, dietro di me la musica si è fatta sempre più straziante. Si resta soli senza rimedio. Succede sempre così quando hai smesso di piacere. Chiodo schiaccia chiodo è la migliore soluzione. Ho preso la chitarra e con le dita ho sfiorato le corde. Era intonata e pronta a suonare. Non è altro che un combattimento la nostra esistenza, fatta di rinunce, tristezza, piccoli e grandi dubbi. Allora si retrocede verso la trincea, stanchi esausti, e non si hai più voglia di combattere, ma solo di starsene lontani dal genere umano. Rintanàti in silenzio nel proprio pertugio. 


Va tutto bene? Sei andato via d’un colpo. Va tutto bene? Spero che un giorno tu faccia ritorno. Va tutto bene? E’ da molto tempo che non ti vedo. Va tutto bene? Potresti darmi un tuo segnale? Va tutto bene? Mi guardo intorno e tu sei via. Va tutto bene? Ho come l’impressione che qualcosa è andato storto. Va tutto bene? Sembra che tu sia scomparso. Va tutto bene? Mi sono presa un po’ di paura. Va tutto bene? (Are you all right? - Lucinda Williams)


Quelli che hanno visto la mano della fortuna cambiare rotta sanno che non c’è proprio nulla da vincere in questa vita. Lei se n’era andata alla chetichella. Era fuggita di mattina presto. Come anche a me era capitato di fare. Succede, a chi confessa qualcosa, che provi un senso di paura, di vuoto. Può anche darsi che non aveva retto alla mia confusione. Ma non mi andava di darle alcuna colpa. E, in fondo, non volevo neppure saperlo, il perché. ”Qualcuno mi metta su un treno, non bacerò più le tue labbra. Non farò breccia nel tuo cuore, perché ho detto addio addio addio alle braccia di Ruby” (Ruby’s Arms - Tom Waits). Per screditare il potere e tentare di renderlo innocuo bisogna sbeffeggiarlo ed essergli irriverenti. Andare giù duri, anche con i mezzi d’informazione, che sono quasi sempre compiacenti, e lo proteggono. Occorre schernirli nella loro pochezza, nelle loro falsità. Fare resistenza. Ogni qualvolta che un tiranno cade, dentro al palazzo si vedono sempre le stesse scene. Piscine dalle forme astruse, bagni rivestiti d’oro, zoo, campi da golf immensi, tutte cose superflue. Denaro sprecato che invece servirebbe a sfamare migliaia di persone, costrette a vivere nella miseria più totale. Lo abbiamo capito, ormai, che per fare il politico basta allenarsi a dire bugie.  Forse, per non avere più tra i piedi gente del genere, servirebbe dare alle persone dei normali mezzi di difesa. Una vera e significativa istruzione, una libera informazione, cose così. Si potrebbe iniziare da subito a non guardare più quella feccia immonda di televisione.


Sono andato a lavoro a piedi. È davvero piccola la mia città. Un paio di chilometri e l’attraversi tutta. Ho pensato a mia madre mentre camminavo. Una donna sola, battagliera, austera. Fumava Marlboro pacchetto duro, che comprava a stecche. Dopo passò alle Merit. Quando la penso, lo sento ancora presente quell’odore di sigarette che le impregnava i capelli ispidi. E la rivedo seduta vicino alla finestra della cucina, silenziosa e assorta, con il busto piegato in avanti che si regge il viso fra le mani. Ho attraversato la strada e ho sentito dentro di me Bessie Smih cantare “Shipwreck Blues”. Come molta gente che soffre di depressione, anche lei nascondeva la bottiglia. Si comportava normale, mentre era esattamente il contrario. Se ne andava a fondo, imbarcando acqua da tutte le parti. Non era riuscita in alcun modo a trovare una rampa di salvataggio. E quei gorghi se l’inghiottirono piano piano. Era una bella donna, mia madre, sfortunata in amore come lo sono in tanti. Io l’ho amata. E anche molto. Così com’era. Gli ultimi settecento dollari destinati alla droga li trovarono nascosti nella vagina a Billie Holiday. Li aveva guadagnati in quel letto d’ospedale, dov’era ricoverata. Aveva venduto ad un giornale i diritti sulla storia della sua vita.


Un giorno verrà l’uomo che amo. Sarà grande e forte, l’uomo che amo. E quando verrà io faro del mio meglio per farlo rimanere. Lui mi guarderà e sorriderà. E capirò in un attimo. Prenderà la mia mano e, per quanto sembri assurdo, so che non ci diremo una parola. Forse lo incontrerò di sabato, forse di domenica. Non lo so, ma di certo lo incontrerò un giorno. Martedì sarà il giorno delle buone notizie. Costruirà una casa, che sarà destinata a noi due e dalla quale non andrò più via. Tutto questo io sogno dell’uomo che amo (The Man I love- Billie Holiday)



Ogni tanto servirebbe fare come Sleepy John Estes per dimenticare ogni cosa. Schiacciare dei pisolini nei posti più impensati. E’ davvero un buon modo per staccare la spina e risollevarsi. John viveva a Brownswille, una squallida periferia del Tennessee, un esistenza precaria e indigente, insieme ai genitori e a quindici fratelli. “Quando sei nero, questo basta per farti vivere nella miseria ”, ripeteva. Da piccolo fu colpito da un sasso e perse la vista dell’occhio destro. Suo padre gli regalò una chitarra, che lui iniziò a suonare nelle feste e ai banchetti, facendosi accompagnare dal mandolinista James “Yank” Rachell e da suo cognato Hammie Nixon all’armonica. Un bluesman Sleepy dalla voce rauca e sofferente, che arrivava a spezzarsi di commozione nei momenti più intensi, eseguendo un blues semplice e scarno, ma assai emozionante. L’aria era di nuovo fredda. Mi sono fatto un caffè e versato due dita di Jack Daniels in un bicchiere. Ho acceso la lampada sulla scrivania. Non mi va di firmare assegni in bianco, ed è per questo che non ho mai preteso nulla da nessuno. Ho sentito un freddo pazzesco, e nella penombra della stanza ho visto molte cose di me.  Mi sono reso conto che sono stanco di fingere e di dire bugie per cercare di salvarmi ad ogni costo. Ho sentito una profonda tristezza attraversarmi. Al diavolo! Alle volte occorrerebbe lanciarsi  a volo d’angelo nel precipizio e senza paracadute. 


Il rullo del piano di “Poor John Blues” mi ha fatto tremare di paura. Sleepy John Estes iniziò a registrare nel 1929 in una stanza del Peadboy Hotel di Memphis per la casa discografica Victor. Fu in quelle session che incise anche una rivisitazione magnetica del classico “Milk Cow Blues”di Kokomo Arnold. Bisogna stare attenti che non si finisca di sognare. Può accadere tutto in una volta, senza che nessun campanello d’allarme ce lo segnali. Ad un tratto si diventa pigri, abulici, e non si vuol fare più niente, neanche parlare con le nostre ombre. Me lo disse lei una sera, mentre eravamo seduti a tavola, che l’esistenza è una messa in scena. C’è ne andiamo tutti quanti in giro, con la nostra pantomima, calandoci sempre più nel nostro personaggio. E non c’è verso che si cambi finzione. Siamo attori e registi del nostro film. Di attori, poi, lo sappiamo che ne esistono di bravi, altri meno, alcuni davvero strepitosi, parecchi fasulli. Ho fatto una smorfia ed ho pensato che, alla fine, sono quelli che hanno smesso di dire bugie ad essere chiamati pazzi. 



Sleepy John Estes era come un cane che aveva preso troppe botte, e non si fidava più di nessuno. Sin da ragazzo gli piaceva starsene da solo, e camminare nell’oscurità. Non aveva paura, era in quei meandri, che, in fondo, si sentiva a suo agio. Aveva un carattere ruvido, difficile, e con l’ombra del male di vivere sempre presente nella sua anima. Fu una vita durissima la sua. Se penso ad un volto per definire il blues, quello è il suo. Senza dubbio. Dopo le incisioni per la Victor, se ne andò a Chicago dove incise per la Decca e anche per la Bluebird, vivendo, però, sempre in modo assai precario. Arrivò a registrare anche con la Sun Records, prima che Sam Philips scoprisse Elvis. Era diventato quasi cieco, si ritirò, e scomparve di scena, finendo nel dimenticatoio più assoluto. Nel 1962 lo riscopre, alloggiato in un fienile con la moglie e i suoi cinque figli alla periferia di Brownsville, il regista David Blumenthal che stava girando un documentario sul blues. Una musica nata nella povertà e nell’ignoranza che, a dispetto del tempo, non ha perso un grammo della sua magia. Una musica indefinibile perché racchiude dentro di sè lo spirito stesso dell’uomo. Il blues non si scrive ma si vive. Questo me lo ha detto Johnny Shines.



Non sempre, ma è possibile dimenticare. Le strade traboccano di bar, di visi, di sorrisi, di cose che lei non avrebbe potuto darmi. Nel primo pomeriggio qualcuno aveva suonato più volte al citofono, ma non avevo risposto. Sleepy John è morto nella povertà più assoluta, i suoi funerali furono pagati da Michael Bloomfield e Ry Cooder, suoi grandi estimatori. Come sempre mi ha soccorso la musica. Mi ha salvato dal precipizio. Forse, sarà stata colpa della luna, ma avevo trovato ciò che cercavo. Quando ho smesso di prestarle attenzione, ho pensato che a quell’ora della notte solo i lupi mannari erano in giro, e chi viaggia dalla parte opposta della strada. Il dolore, però, si era tramutato in rabbia, ed allora sono uscito. I miei passi risuonavano sul selciato, e faceva un freddo boia. Ho camminato per dei chilometri, nascosto nel buio. I blues continuavano a venire giù, come in un diluvio. Nudo, diritto, silenzioso, immobile, ho ascoltato il vento. Ed era come se mi parlasse. In quelle folate ho avvertito l’anima di mia madre, e anche di altri che non ci sono più. E’ probabile che non abbia saputo comprendere il suo disagio e prendermi cura di lei. Avevo il morale a terra. Forse non ho capito mai nulla. Ma, forse, un giorno… Forse, domani… 


Ho sentito il mio cuore scalciare un battito. Il chiaro di luna ricopriva la strada, così aspettai fuori che lei mi rispondesse. Il Signore e le stelle del cielo stavano tutte su di me nella penombra. Ho percepito il mio cuore scalciare. E dopo lei mi squadrò, se non posso amarti stanotte, forse domani (Maybe Tomorrow - Willy De Ville)


Bartolo Federico

5 commenti:

  1. Visto che è partito Agon Channel? Sembra molto interessante! http://www.tvzoom.it/index.php?option=com_content&view=article&id=14160:video-antonio-caprarica-ad-agon-channel-faro-un-tg-rapido-senza-cronaca-nera-e-globale&catid=14:talent&Itemid=18

    RispondiElimina
  2. Questo è un commento vero: che bella la prima immagine!

    RispondiElimina
  3. si, è un po' come la mia stanza.Una botta di culo nel reperirla sul web.

    RispondiElimina
  4. Le canzonette, le cattive poesie, trasmettono un’idea dell’amore così falsa da causare la nausea. I sentimenti veri in genere hanno più pudore.

    RispondiElimina